mercoledì 27 maggio 2009

Mitica Biagina

Croc,
una decina di giorni fa è uscita un'intervista fatta a me da Cristina ma tanti la conoscete come Biagina. Mitica Biagina . E devo dire che questa intervista l'hanno letta in tanti, visto il riscontro che ho ottenuto con telefonate mail ecc. E' uscita in allegato a vari quotidiani come inserto in un MAGAZINE .
L'argomento principale era il lusso e la ricchezzza e devo dire che inun momento di crisi come questo ero un po' preoccupata, a parlare di queste cose, ma ho cercato di gestire le domande in modo super spontaneo

VE LA RICOPIO MA LA TROVATE A QUESTO LINK:
http://www.europa-in.it/leggi.php?artID=1092819


N PRIMO PIANO
Intervista alla principessa Patrizia Groppelli d'Asburgo Lorena

QUALE è PER ME LA VERA RICCHEZZA: VIVERE I PROPRI SOGNI..

Corre da un posto all'altro, ha tantissimi impegni e non si ferma un attimo. Patrizia Groppelli d'Asburgo Lorena ( nelle foto ) non è di certo una principessa come tante. E anche questa intervista è stata un po' fuori dalle righe. Abbiamo chiacchierato tra una visita allo showroom della stilista Chiara Boni , di cui la principessa è molto amica (anche se i "suoi" stilisti sono Ermanno Scervino e Luisa Beccaria ), e un giro in macchina per le vie di Milano. La sua auto è una Smart in edizione limitata color oro numero 320; «ce ne sono in tutto 500», mi racconta come se fosse la cosa più naturale del mondo. Ma, nonostante abbia sposato un principe ( Dimitri ), la D'Asburgo è una persona molto disponibile e affabile. Forse anche merito della sua attività giornalistica con Vanity Fair e del suo blog "Daily Patrizia"
Qual è il suo rapporto con la ricchezza? Innanzitutto la vera ricchezza è poter continuare a vivere i propri sogni e poterli seguire: e questo credo sia importante per tutti. Sono, comunque, una spendacciona e con il denaro ho un rapporto di amore-odio. Sono una che se ha un euro ne regala due e che dà sempre se può. Allo stesso tempo, so bene che avere la tranquillità economica vuol dire stare meglio; ma così come sono spontanea con tutto, lo sono anche con il denaro.
Cos'è un lusso per lei? Non ha a che fare solo con la ricchezza. Lusso è avere del tempo per se stessi e per i propri cari perchè credo che questa sia l'unica cosa di cui veramente nessuno può disporre come vuole. Ma può essere anche un club sandwich e un bicchiere di vino E poi c'è un lusso cui non rinuncio mai: andare nel mio hotel preferito in centro a Milano ogni giovedì, è un rito che mi piace. Sono una persona che sta bene anche da sola a casa, in compagnia di un libro. Un vero signore è uno che si adatta a tutto.
Qual è la vacanza ideale di una principessa? Nella mia casa a Forte dei Marmi.
A proposito di Forte (Patrizia vive a Milano d'inverno, in Toscana d'estate, ndr), ha tenuto una rubrica su Vanity Fair, dal titolo "La capannina della principessa" in cui parlava dei vip in vacanza. Chi ostenta di più tra le persone che conosce? Cosa non sopporta? Non sopporto la gente che parla in continuazione di soldi e anche i falsi sorrisi di chi si comporta in un certo modo e in realtà pensa tutt'altro. Non posso far nomi, ma non mi piacciono le persone che fanno dipendere tutto dal denaro, come capita agli arricchiti. Comunque, Forte dei Marmi è un ambiente molto easy.
E come vede i resort di lusso? Mi piacciono molto perchè sono luoghi in cui si va con la consapevolezza di avere determinati servizi. Ma devo dire che sono una persona molto abitudinaria: quando vado in un posto lo devo riconoscere come "mio". Per le vacanze invernali alloggio sempre nello stesso albergo a 5 stelle a S. Moritz, dove mio marito Dimitri mi ha chiesto di sposarlo.
Alcune città stanno organizzando eventi dedicato al lusso, lei pensa siano necessari? Credo che siano un'arma a doppio taglio. Mi spiego meglio: da un lato sono di certo importanti perchè ritengo che è in un periodo come questo che bisogna investire per risollevare l'economia in generale. Anzi l'imprenditore intelligente lo fa proprio adesso. Dall'altro, credo che in un momento di crisi come quello che viviamo, eventi del genere possano dare fastidio a chi fa fatica ad arrivare a fine mese.

E IL VOSTRO LUSSO QUALE è MIE CROCCHETTE?? Tra l'altro se non siete d'accordo con quello che ho detto ditelo ehhh
Bacetti
Pat

45 commenti:

  1. Allora il mio lusso è vivere in Sicilia nel mio B&B e sorridere alla gente che viene a trovarmi!! Non vedo l'ora di aprirlo e naturalmente tu e Cri siete invitate!!
    bacioni e in bocca al lupo x il nuovo blog!!

    RispondiElimina
  2. ciao pinkina adorata come stai ti auguro che si realizzi presto e io verrò a trovarti
    pat

    RispondiElimina
  3. Il mio lusso, attualmente, è poter scegliere tra gli annunci di lavoro quelli che sento più attinenti a me, senza il terrore di non arrivare a fine mese.
    Parentibus iuvantibus.

    RispondiElimina
  4. smack mia bruni..tu sai perchè..
    pat

    RispondiElimina
  5. L'avevo letta e avevo fatto i complimenti a Biagina.
    Il mio lusso sarebbe potermi dedicare a cose mie tipo palestra ed estetista.
    Un lusso che vorrei tanto è una settimana in una Beauty Farm a 5 stelle, chissà se ci riuscirò mai...
    Ciao.
    France

    RispondiElimina
  6. France sto leggendo il tuo libro, mi appassiona veramente...bacio
    pat

    RispondiElimina
  7. Grazie, sono molto contenta che ti piaccia!
    Bacioni!
    France

    RispondiElimina
  8. "La vera ricchezza è poter seguire i propri sogni e realizzarli con tutti i sacrifici necessari": è un pensiero che condivido e ho avuto modo di riflettere molto, in passato, su questo argomento. Io non ho avuto l'opportunità di perseguire i miei sogni perchè, nel momento in cui avrei dovuto fare scelte importanti, non mi sono sentita libera di farle. Oggi, potrei ricominciare ma è passato il tempo, il "momento", io sono cresciuta e ho fatto altro.

    Pat ciò che hai detto riapre una ferita. Boh, mi passerà---

    RispondiElimina
  9. c'ero anche se non scrivevo! ;) ...il m io lusso? poter alzarmi alle 8 nella mia casetta al mare, spalancare le finestre e assaporare il sole che invade la stanza....e l'aperitivo sempre al mare in un posto appartato con F. (il mio lui) a bere spritz mentre il venticello marittimo mi accarezza i capelli

    RispondiElimina
  10. unico difetto..abito in città!

    RispondiElimina
  11. Il mio lusso è trovare un po' di tempo per me, per leggere un buon libro, ascoltare un po' di musica, bere un buon bicchiere di vino o una birra fresca.
    E poi trovare il tempo per stare con le amiche e le persone cui voglio bene.
    Spero di riuscire a passare un po' di tempo anche con te al più presto!

    RispondiElimina
  12. Ma, Allora Carissima Patrizia, il tuo articolo mi è piaciuto sono le domande che sono di una banalità tremenda, ma ancora a parlare di lusso di rapporto con la ricchezza di alberghi a 6 stelle di denaro, emerge che in sostanza sei quasi un animale raro in via di estinzione e ti aggiri in riserve, ma secondo me potresti farti fare altre domande dove emergano veramente le tue qualità e credo tu ne abbia molte e meno i nomi delle tue sarte o stilisti che dir si voglia.
    Grazie Marco

    RispondiElimina
  13. @marco facciamo cos' pronta a tue domande..che ne pensi?
    baci
    pat

    RispondiElimina
  14. In questo momento chiudere fuori il mondo è dormire, sarebbe per me il massimo lusso.
    MA se, come dice Laura, la vera ricchezza è fare tutti i sacrifici necessari per realizzare i propri sogni, allora sono la donna più ricca del mondo, perchè ho quello che volevo: il lavoro che ho scelto (e per il quale mi arrabbio, mi demoralizzo, mi stresso), un marito (che potrei strozzare ma adoro), un figlio (idem), una famiglia, una casa (una casa? un cantiere meglio)e persino un gatto ed anche la voglia di spostare l'asticella un po' più in là.
    E questo è l'importante, poi c'è il lusso materiale, quello che tutti schifano a parole, ma che nessuno disdegna davvero nei fatti. Il mio? soprattutto un valido aiuto domestico e poi qualche frivolezza
    Ciacco

    RispondiElimina
  15. Patrizia vedi, risposta molto ironica e intelligente brava, te le preparerò le domande
    Marco

    RispondiElimina
  16. ciacco ti ho già detto che sono felice di trovarti anche qui?? Bacio
    pat

    RispondiElimina
  17. Ti aspetto Marco..scrivimele a dailypat@gmail.com, e poi la pubblico senza cambiare una virgola.
    baci
    pat

    RispondiElimina
  18. Per me il lusso è poter scegliere in ogni momento quello che voglio, disporre a piacimento del mio tempo per dedicarmi alle cose che mi fanno stare bene e alle persone che amo.
    Lusso è anche saper riconoscere e apprezzare tutte le cose belle che ci circondano nel quotidiano e provarne gratitudine profonda. In una società dedicata perennemente al lamento credo che sia la cosa più difficile e più preziosa!

    RispondiElimina
  19. "Un vero signore è uno che si adatta a tutto" quello che dici rispecchia esattamente il mio pensiero, cara Pat! Il lusso per me è essere me stessa, adattarmi a qualsiasi situazione, a rapportarmi con chiunque ma mantenendo sempre stretti i sani valori, l'educazione, il rispetto, la sensibilità!
    Ciao!
    Cristiana

    RispondiElimina
  20. Cara Pat, i miei lussi sarebbero:

    dormire finalmente 8 ore di fila,senza incubi..
    aprire il mio amato negozio con il sorriso e chiuderlo con un sorriso.....perchè vorrebbe dire che sono sulla strada giusta e più importante ho i soldi per arrivare alla fine del mese .....
    fare finalmente pace con me stessa e il mondo..
    la SMART ORO...perchè sono un pò fissata con questo colore.... :)
    apprezzare ciò che ho, senza lamentarmi spesso...
    il dono dell'ubicuità......
    e potrei continuare, ma non mi sembra il caso!E ovviamente, non in questo ordine e ovviamente i lussi sono soggetti a variazione!
    Felice pomeriggio cara Pat un abbraccio

    RispondiElimina
  21. @jodee certo sempre soggetti a variazione la cosa principale è quella di sentirsi sempre ma sempre fortunati...e ringraziare per quello che si ha poco o tanto ma ringraziare sempre e esserne consapevoli.
    pat

    RispondiElimina
  22. Forse il lusso è poter scegliere, decidere, senza dover necessariamente sottostare a regole e principi a noi poco consoni o funzionali. ma questa è più utopia che lusso...
    Forse il lusso vero è essere se stessi sempre e comunque, adattandosi con garbo a tutto ciò che ci è intorno in modo sano.

    RispondiElimina
  23. @gdn rileggi e convinciti anocra di più di quello che hai scritto, rif mp di stamattina

    RispondiElimina
  24. Il mio lusso?Viaggiare.Ma lo vorrei fare cosi:Svegliarmi,prendere la carta di credito,un leggero bagaglio a mano e con i compagni giusti,decidere la meta e partire...Ci sono tanti posti da vedere,da vivere...Questo sarebbe il mio lusso,se penso alla grande..Ovviamente i miei reali viaggi non sono cosi ma tutti sono stati unici e indimenticabili.
    Il mio sogno?Ne ho tanti,alcuni si realizzano perchè ci lavoro tanto ogni giorno.E poi c'è IL SOGNO ma non ho ancora iniziato a perseguirlo. Un pò mi dispiace,ma non si sa mai...
    un bacio Pat.!!!!

    RispondiElimina
  25. @marinaky ciao by the way mio marito dimitri cerca una canzone greca quella che ballava onassis con la callas nel suo film mi puoi per caso aiutare, gli ho detto che avrei chiesto a te...bacio e grazie nel caso

    RispondiElimina
  26. Ciaoo Pat!!!
    io su style ero vere82...
    BAciiii

    RispondiElimina
  27. L'essere felici nella semplicità...ma purtroppo l'ho capito solo ora!!! Meglio tardi che mai...come stai Pat...ti ricordi di ...Stefi...???...finalmente ce l'ho fatta anch'io...passa a trovarmi...

    http://stefi285.blogspot.com/

    Un bacione...

    RispondiElimina
  28. a PINKINA:
    anche tu siciliana? di dove? se il tuo b&b non sarà troppo lontano da casa mia vengo a trovarti!

    il mio lusso è stare e gioire accanto alle persone che riempiono la mia vita e che amo

    RispondiElimina
  29. finalmente ti ho trovata...sto assente una settimana e cambia tutto...che fatica!!! il lusso...il lusso sarebbe riuscire a essere in pace con me stessa..finalmente serena, e non aver paura di me stessa e di stare da sola...che brutto...ho il lusso di saperlo ammettere pero...
    francesca (pinguinina in community)

    RispondiElimina
  30. Ma certo ci provo.Però Pat. ci sono tanti film su Callas e Onassis...Sai il titolo del film?Io comunque faccio la mia ricerca stasera ,dopo lo studio,e ti dico qualcosa a più presto.
    Quelli due però!Che vita,che storia che hanno avuto...Una vera tragedia greca....

    RispondiElimina
  31. Il mio lusso è poter disporre del mio tempo a mio piacimento (essendo libera professionista, non ho padroni a cui rendere conto)... e poi i profumi di nicchia.

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Pat, mia prediletta, ho letto la tua intervista e mi è parsa corrispondere in pieno alla realtà del tuo “dentro”. E’ bello ogni tanto sapere di te in profondità, dei tuoi pensieri, della tua interiorità, perché emerge sempre la persona che sei: sensibile, profonda, solare e un pizzico naif. Non perdi mai di vista la tenerezza, e questo secondo me è il tuo vero lusso, nonostante il mondo di squali che ti circonda e che bene o male circonda un po’ tutti. Per me, invece, il vero lusso è l’accettazione e la facoltà di risalire la china quando la vita ci butta addosso i suoi tanti stridori: il saper abbattere la barriera tra istintualità e razionalità, tra affetto e passione, tra feste in ville al mare e puzzolenti appartamenti di periferia, tra cene di lusso e un bel piatto di pasta al pomodoro, tra l’amore per il tuo compagno o compagna, alla quale non si può onostamente rimproverare nulla e la passione provata per un estraneo/a così diverso/a, e di cui si conosce così poco…Quello stridere che accompagna la nostra vita ogni giorno, in maniera più o meno drammatica, in maniera più o meno percepibile:il vero lusso è riuscire a superare, a non crucciarsi e a dire: la vita è questa: attimi superbi di vicinanza, di amore, di passione, di risate, e poi, gelide folate di vento. Il vero lusso è la libertà o l’illusione di essa: una corsa in moto non preventivata, il mare selvaggio di Lanzarote, le fusa del mio micio, tanti libri e camini accesi. E poi il lusso di poter guardare ancora, nonostante lo “spavento” di un anno fa, suoi tristi occhi neri, il suo sorriso un po' beffardo e un po' birichino, la sua barba incolta e morbida, la sua inquietudine, la libera spontaneità e naturalezza con cui vive la sua vita, mentre gravita e ruota intorno a me, la maniera dolcemente infantile con cui si fa perdonare, l'abbraccio caldo e forte in cui mi avvolge, la seduttività con cui scivola in ginocchio dal divano per baciarmi i polsi, dicendomi quanto gli piacciono, così fragili, solcati da piccole vene blu. E poi il colore del Mediterraneo l’estate, i sabato mattina, rivedere tutti i film di Stanley Kubrick, ascoltare dieci volte di seguito a tutto volume “Star way to haven” dei Led Zeppeline e Us and them dei Pink Floyd, senza che nessuno ti gridi “abbassaaaaaaaaa”, farsi guidare dall’istinto, avere almeno un/a buon amico/amica con cui capire la vita parlando,gustarsi il caffè bevuto nelle prime ore dell'alba mentre tutti dormono e godersi il silenzio e le prime luci della giornata che sta per iniziare, tutto ancora carico di promesse, e poi i temporali, le tempeste, e il vento che soffia fuori, mentre tu sei in casa col camino acceso; rivedere e riascoltare per un numero indefinito di volte film e colonna sonora di “C'era una volta in America”, l'amore letto negli occhi di un amico, o del tuo uomo, o comunque di qualcuno a cui tieni, la sintonia a pelle con le persone, essere talmente spensierati e perennemente adolescenti “dentro” da essere colpita dalla “ridarella”in un momento inopportuno e ridere, ridere, ridere, anche se sai che non dovresti e non potresti…

    RispondiElimina
  34. Ciao Pat,
    visto che sono l'autrice dell'intervista non potevo mancare, ma non sapevo che l'avessi pubblicata.
    Voglio rispondere subito a @Marco sulla banalità delle domande: sono d'accordo solo in parte perché l'intervista essendo estrapolata dal contesto non rende del tutto. Il giornale su cui è andata tratta tematiche diverse ogni settimana e quella era la volta del lusso, quindi alcune domande erano obbligate e perciò non esattamente tutte quelle che avrei voluto fare a Pat, ma è anche vera una cosa - e Pat, penso ne converrai con me - che la personalità dell'intervistato emerge grazie anche all'intervistatore, al suo modo di riportare le cose ed anche alle domande intermedie che fa e che non sempre si pubblicano. Questo, senza nulla togliere a Pat che io stimo tantissimissimo e che è stata una delle persone più piacevoli da incontrare per lavoro (in questo caso). E tutto quello che è scritto come introduzione, l'abbiamo fatto davvero.
    Spero di poterla intervistare una prossima volta senza un tema: mi sentirei ancora più libera.
    Cristina

    RispondiElimina
  35. E aggiungo che in un frangente anche antipatico, come parlare prettamente di un tema, Pat se l'è cavata benissimo e il risultato lo vedete.
    Cristina

    RispondiElimina
  36. P.S.: grazie per il mitica, ma sei tu ad esserlo!Una cosa antipatica di questa foresteria? E' che se ti viene in mente altro non puoi modificare il commento, ma devi scriverne un altro. Nel prossimo sito, si potrà evitare di "inondarti" di commenti quando si vorrà solo aggiungere una frase?
    Kisses

    RispondiElimina
  37. Ma dai, una intervista "en famille"!
    Fantastico :-)

    RispondiElimina
  38. Cara Pat il mio lusso è un abbonamento a teatro: 8 spettacoli all'anno. Poi le ore a respirare l'aria salubre del mare di Calabria, sulla piccola terrazza che a me sembra l'ampia loggia di una reggia e trascorrere ore a discorrere con me medesima e rovesciare su un foglio bianco emozioni, sensazioni, amori e dolori.

    RispondiElimina
  39. Il mio lusso?
    Il tempo che per mia sfortuna il lavoro mi lascia, le mezze giornate che mi ritaglio per poter vedere Lui.
    E' Lui un mio lusso... non tutti hanno un angelo al fianco.
    E le amiche... quelle anime affini che spuntano non richieste perchè sentono che sono in crisi. Sono come la Nutella...
    Non ho bisogno di niente altro per sentirmi bene :-)

    RispondiElimina
  40. Io dico sempre che il vero lusso è poter scegliere di fare il lavoro che ci apassiona e ci piace....ma non avviene quasi mai!! Il mio lusso è il mio Amore, spesso ci diciamo a vicenda, ridendo: "Ma chi sta meglio di noi?!" E magari siamo solo stesi sul divano dopo cena. :)

    RispondiElimina
  41. il mio lusso in questo momento sarebbe finire finalmente l'università ed andare a vivere con il mio fidanzato in una casa tutta nostra. ovviamente questo sarà possibile solo se anche io inizierò a lavorare...si prospettano tempi lunghi...

    RispondiElimina
  42. il mio lusso....avere un marito che mi lascia andare in giro con le amiche nei week, dove lui lavora.....
    bellissima intervista...e brava la ns Biagina!

    RispondiElimina
  43. grazie Petranik. E bel lusso!

    RispondiElimina
  44. Bellissima intervista, complimenti a Biagina e anche a te Pat...
    x me il lusso è avere del tempo da dedicare a me stessa, al mio hobby, al mio ragazzo e al mio papà e alla mia prozia, con cui mio malgrado trascorro troppo poco tempo rispetto a quanto vorrei... un bacione...
    Laura/Bimbola/Cinderella

    RispondiElimina
  45. Cri's ex Criy26 maggio 2010 00:39

    Il mio lusso è questa vita che mi sono conquistata con le unghie e coi denti, è questa serenità nel cuore e nella testa. E il fatto che le persone che amo siano tutte in ottima salute.
    Un lusso degli ultimi tempi è anche avere internet che negli ultimi mesi mi fa impazzire ^_^
    Ti abbraccio stretta stretta

    RispondiElimina